logo

CAMPI FLEGREI PROSSIMI ALL'ERUZIONE? PER IL VULCANOLOGO DE NATALE ATTENZIONE MA NON ALLARMISMI

 

" I campi Flegrei sono vicini ad una nuova eruzione". E' quanto scritto in uno studio pubblicato dalla rivista Nature poi rilanciato dal
Financial Times.

Condotto da un equipe italo-inglese, la ricerca evidenzia segnali di " irrequietezza" nell'area del supervulcano. Tra gli studiosi che hanno esaminato i segnali della zona c'è anche Giuseppe De Natale, vulcanologo e già direttore dell'Osservatorio vesuviano.

"Si tratta di uno studio scientifico abbastanza importante perché abbiamo praticamente dimostrato che in un'area vulcanica come i Campi Flegrei, quando ci sono vari episodi di sollevamento ( e in quell'area ce ne sono dal 1950) l'accumulo di sforzo nelle rocce fa sì che le rocce varino il loro comportamento e oltre una certa soglia si fratturano completamente e si possono causare le condizioni di un'eruzione. Questo significa che ogni episodio successivo può essere più critico di quello precedente" così De Natale a Radio Kiss Kiss Italia.

"Quindi noi non dobbiamo aspettarci di avere un episodio di forte sollevamento come quello negli anni '80 in cui in 3 anni si raggiunse il 1,80 di sollevamento. Non avremo un'eruzione come non l'abbiamo avuta la volta scorsa. Il sistema cambia e diventa sempre più critico.

La successione di più episodi deformativi portano il sistema più vicino all'eruzione. L'attuale periodo di sollevamento che viene dopo un altro di abbassamento di circa 90 cm dal '84 al 2004/5.

Quello che si sta verificando ora non sta evolvendo verso condizioni critiche perché non si è raggiunto il livello di sollevamento che c'era nel 1984. Oggi stiamo superando lentamente quel livello. Quello che stiamo dicendo dobbiamo postporlo a quando il sistema recupererà quel livello.

E' difficile prevederlo ma è vero anche che se dovesse verificarsi un fatto del genere, potrebbe evolvere in pochi anni e andare verso l'eruzione. Tutto dipende dal rigonfiamento dei fluidi superficiali. E' chiaro che bisogna monitorare attentamente la situazione"

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.