logo

INCENDI VESUVIO, PAOLO MASSIMI VVFF:"TROPPI PUNTI DI PARTENZA DEGLI INCENDI, NON E' AUTOCOMBUSTIONE"

 

Stanno lavorando incessantemente per spegnere le fiamme che hanno devastato il Vesuvio e alcune aeree limitrofe. Aiutati dalla forestale, dalla protezione civile e da volontari, i vigili del fuoco sono in prima linea da giorni.

A Radio Kiss Kiss Italia è intervenuto l'ingegner Paolo Massimi, dirigente dell'ufficio di coordinamento di soccorso aereo dei vigili del fuoco:

"Siamo impegnati su molti fronti nel Sud Italia. Su Napoli oggi la situazione è molto più tranquilla rispetto a ieri e abbiamo quattro punti critici che teniamo ancora sotto controllo. Sono Torre del Greco, Ottaviano, Ercolano e Terzigno. A Torre del Greco abbiamo svolto attività straordinaria di protezione delle case e dei ristoranti. Molti sono stati evacuati.

A Ercolano stiamo lavorando nella zona dell'Osservatorio, a Ottaviano abbiamo messo a protezione un'attività ospedaliera. A Terzigno la discarica.

Sono troppi i punti di partenza degli incendi che si sono propagati per diversi km, quindi è difficile che sia successo in maniera naturale.

Vorrei ringraziare i sindaci e gli uomini della protezione civile. Stiamo lavorando bene insieme nel presidio del territorio. Questo presidiare insieme l'area questa notte ha portato a ottimi risultati.

La cosa più utile che possono fare i cittadini è telefonate al 115 o 112 , numero europeo di soccorso. Segnalare i principi di incendio, la prima fiammella che viene individuata. I cittadini possono farlo prima di tutti. E soprattutto curare di più le strade, non buttare mozziconi, perché se si prende sotto gamba il fatto, ecco che una piccola fiammella può scatenare incendi come quelli che stiamo vedendo in questi giorni"

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.