logo

SINDROME DA RIENTRO, VINCIGUERRA:"IMPARIAMO A PENSARE POSITIVO"

 

Post vacation blues o più semplicemente sindrome da rientro, è definito così l'insieme di sintomi che caratterizzano il ritorno dalle vacanze.

Passare da un periodo di relax alla routine quotidiana provocherebbe non poco stress. E a soffrirne sono molte persone. Ma cos'è e come si affronta questa sensazione di depressione ce lo spiega la psicoterapeuta Paolo Vinciguerra:

"E' un atteggiamento emotivo di abbattimento perché dobbiamo riaffrontare le difficoltà, le insidie, le vulnerabilità, le insicurezze che affliggono la nostra realtà soprattutto in questo periodo. Quindi è chiaro che passare da una situazione di non pensieri, di relax, di condivisione con la propria famiglia, amici, il contatto con la natura all'aria aperta, l'attività fisica, è un impatto emotivo veramente importante. Purtroppo abbiamo un atteggiamento in base al quale pensiamo che con la forza possiamo fare tutto. Invece dobbiamo sempre rispettare il nostro stato d'animo e, quindi, avere sempre delle piccole accortezze.

La prima cosa da fare è di non buttarsi nel lavoro come se dimenticassimo totalmente i nostri desideri, dimenticando tutto quello che abbiamo fatto in vacanza. Cerchiamo di fare qualcosa di equilibrato tra quello che si deve fare e quello che si desidera. Cerchiamo, però, di non portarci la vacanza in città allungando le
serate visto che abbiamo bisogno di dormire e non più possibilità di recuperare la mattina. Cerchiamo di pensare a tutto quello che abbiamo vissuto e che si
ripeterà, non diamo la sensazione che sia tutto finito perché questo ci darà un senso di oppressione e disagio. Stiamo il più possibile con la famiglia, con gli amici. Organizziamo in tempi non lontanissimi dei piccoli break. Dobbiamo imparare a pensare positivo, non è che quello che abbiamo vissuto non ci sarà più.
E adesso abbiamo di fronte un anno duro e senza stimoli. Non è vero. Intanto lo abbiamo vissuto e questa è una grossa fortuna rispetto a persone che non hanno potuto farlo. E questa è una grossa ricarica. E poi speriamo di ripeterlo"

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.