logo

DA STASERA TORNA UN POSTO AL SOLE, MIRIAM CANDURRO (SERENA):"LO AVEVAMO PROMESSO. E ORA ECCOCI QUI!"

candurro kkita

 

 

Ce lo avevano promesso che sarebbero tornati presto. E la promessa è stata mantenuta. Dopo quasi due mesi di lockdown, torna questa sera su RAI 3 Un posto al sole, la soap più amata e longeva realizzata in
Italia. A Radio Kiss Kiss Italia ne abbiamo parlato con Miriam Candurro, ovvero Serena.

Ida: Buongiorno Miriam!

Candurro: Buongiorno Ida

I: Come stai, cara Miriam?

C: Bene bene, emozionata ti dirò.

I: In effetti è un debutto!

C: effettivamente sì, un debutto a tutti gli effetti. Il fatto che siamo stati lontani per tanti giorni da un pubblico che ci segue… ti dico, noi siamo mancati a loro ma loro sono mancanti a noi. È stata una mancanza reciproca. Non vediamo l’ora

I: intanto siete sempre stati in contatto con il vostro pubblico, anche se a distanza siete riusciti a chiacchiere con loro

C: sì, è stata una delle prime cose successe dopo il lockdown. Arrivavano messaggi dai nostri fan in cui ci dicevano ma ora non vi vediamo più, andranno in onda le repliche quindi è stato un desiderio loro e nostro
di mantenere i contatti comunque in questo periodo. Ogni giorno abbiamo fatto delle dirette dalla pagina di Un posto al sole, raccontando un po’ quello che era in onda e rassicurandoli che saremmo ritornati presto. Speravamo. E siamo stati i primi a riaprire.

I: e così da questa sera vi rivedremo con le nuove puntate. Intanto come fate a girare, come fate ad applicare il protocollo di sicurezza? È difficile immaginare gli attori che devono stare attenti a non avere
contatti 

C: contatti ravvicinati non ce ne sono più in questo periodo nel senso che giriamo dei primi piani molto distanziati, difficilmente riusciamo a girare dei totali cioè con una macchina che riprende entrambi gli attori. Gli attori sul set vengono inquadrati uno alla volta quindi l’altro è molto lontano dalle battute, c’è un botta e risposta ma fondamentalmente non sono molto vicini sul set. È stato ed è ancora difficilissimo, siamo ancora in pieno protocollo. Facciamo tamponi tutte le settimane, siamo iper controllati e così si va avanti. Con il controllo, con l’attenzione e con il desiderio di fare comunque di tutto affinché il set continui ad
andare avanti. Una collaborazione totale da parte di tutti, sia attori che troupe dietro le quinte. Quindi un’attenzione massima per poter continuare a lavorare.

I: questo conferma la bella armonia che c’è nel gruppo. Tutti insieme per continuare a raccontare le vicende di Palazzo Palladini che riprenderanno da dove erano state interrotte?

C: sì sì, riprenderanno da dove ci siamo interrotti. Abbiamo voluto dare al pubblico anche questa
tranquillità. È come se fossimo andati via venerdì scorso. 

I: Intanto Miriam, oltre ad Un posto al sole, tu sei anche un’attrice di cinema. E il cinema è ancora fermo in questo periodo, quindi è una situazione difficile per tutte le maestranze che lavorano nel settore, nel
mondo dello spettacolo in generale. Qualcosa comincia a muoversi, però…

C: qualcosa comincia a muoversi, qualche set è ripartito con grande difficoltà. È un periodo molto difficile perché il nostro lavoro è uno di quelli che difficilmente riesce a mantenere le garanzie. Purtroppo è un
momento che dovrà passare, bisognerà trovare nuovi modi sul set come stiamo facendo noi per salvaguardare l'arte, così come la salute e le regole. Io non credo ci si possa fermare per tanto tempo. Se l'arte si ferma siamo morti, è come se diventassero aridi. Non posso immaginare un mondo senza arte. Penso ai concerti in cui si ha un contatto con il pubblico.

I: e noi ce lo auguriamo. Hai detto giustamente che non si può stare senza arte. Ma poi se non si riprende a
girare, che film vedremo?

C: è tanto bello rivedere i film che ti piacciono due o tre volte però bisogna ritrovare quei momenti che ti emozionano, che segnano i ricordi della tua vita. Parliamo dei film e della musica. Non possiamo fermarci
qui, non possiamo avere un momento senza ricordi perché significherebbe che un periodo non potrebbe essere raccontato dalla musica e dal cinema. Non oso immaginare.


I: speriamo bene! Dobbiamo continuare ad essere responsabili proprio come voi

C: quello che ci ha insegnato o avrebbe dovuto insegnare questo lockdown è che non siamo invincibili, cosa che pensavamo di essere. Non abbiamo la possibilità di sconfiggere qualsiasi cosa quindi dobbiamo
imparare a capire che ci sono dei limiti e quei limiti vanno rispettati per il bene di tutti e per il futuro di tutti.


I: intanto da questa sera Un posto al sole torna da Palazzo Palladini. Miriam incrociamo tutte le dita per te e per tutto il cast.

C: incrocio anch’io le dita, ti ringrazio e ti abbraccio forte.

RIASCOLTA L'INTERVISTA

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sulle nostre privacy policy.