Nino D’Angelo a KK Italia: “Il mio quartiere ha fatto una colletta per avere un mio murales. Questo disco è per loro…”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Una carriera lunghissima: dal piccolo schermo al teatro, con un filo conduttore… la musica. Nino d’Angelo – “Il poeta che non sa parlare” –  ai microfoni di Radio Kiss Kiss Italia tra ricordi e nuovi progetti.

Nino d’Angelo ha saputo reinventarsi grazie al suo stesso pubblico, come lui stesso dice…

“Mi ha reinventato sempre la gente, perché quando la gente ti vuole bene, ti stima, ti capisce e ti dà il suo cuore. Oggi non c’entra niente più il cantante: la gente mi vuole bene per quello che ho fatto nella mia vita; i giovani mi apprezzano molto e questa è la soddisfazione più grande… Vedere mamme e figli allo stesso concerto e cantare con me le mie canzoni a squarciagola è bellissimo”

Le sue ispirazioni teatrali nascono dall’amore per Raffaele Viviani, scoperto da adulto

“Viviani non lo conoscevo per ignoranza. Un giorno un mio amico mi ha detto: tu saresti proprio lo scugnizzo perfetto di Raffaele Viviani. Mi tolgo il cappello davanti a questo grandissimo maestro che da morto mi ha insegnato tante cose…”

Un nuovo album: “Il poeta che non sa parlare” attinge il titolo dalle memorie di bambino, quando la sua maestra alle elementari lo soprannominò proprio così.

“Scrivevo come fossi un bambino più grande, ma facevo degli errori madornali perché non conoscevo bene l’italiano e allora lei mi disse: tu sei un poeta che non sa parlare perché arrivi al cuore anche quando non ti sai esprimere. Questa cosa mi è rimasta impressa per tutta la vita e ho voluto dare – visto che dovevo scrivere anche un libro – questo titolo sia al libro che all’album perché mi piaceva moltissimo. Questo album è un viaggio tra le mie origini. Ho scritto questo disco dopo che Jorit ha fatto il mio murales nel mio quartiere e so che la gente ha fatto una colletta per comprare i colori. Quindi mi sono sentito in dovere di dare ancora qualcosa di bello a questa gente che vive ancora così. E questo si sente tutto nel disco… ”

Ascolta il podcast completo

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare