Colletta alimentare, Roberto Tuorto a KKI: “un gesto semplice per aiutare chi è davvero in difficoltà”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

“La condivisione genera fratellanza … è duratura … rafforza la solidarietà e pone le premesse necessarie per raggiungere la giustizia … uno stile di vita individualistico è complice nel generare povertà … se i poveri sono messi ai margini il concetto stesso di democrazia è messo  in crisi”. Parte proprio dal messaggio  di Papa Francesco per la V Giornata mondiale dei poveri 2021 la 25esima Giornata nazionale della colletta alimentare in programma per ilo 27 novembre. A Radio Kiss Kiss Italia ne abbiamo parlato con Roberto Tuorto, direttore del Banco alimentare Campania onlus

Sara: buongiorno direttore.

Tuorto : buongiorno a tutti e grazie di cuore, domani (27 novembre cdr) nonostante sia previsto cattivo tempo ci saranno circa 145mila volontari in Italia davanti ad 11mila supermercati che hanno aderito all’iniziativa. I nostri volontari vi accoglieranno con un sorriso chiedendovi un gesto semplice, come l’acquisto di una bottiglia d’olio o di un omogenizzato da donare alle tante famiglie in difficoltà anche a causa del covid. È un gesto semplice che sicuramente non ci impoverisce, ma che anzi arricchisce ciascuno di noi in un momento storico così complesso. Spero che tante persone, come sempre è stato in questi 25 anni, possano donare e farlo con il sorriso perché è bello farlo con gioia piuttosto che incupirci.

S. : Oltre alla giornata di domani, c’è un modo per sostenere sempre i vostri progetti?

T: la colletta continua sempre attraverso i vari canali sociali, con le donazioni tramite il sito colletta.bancoalimentare.it. La giornata nazionale è un evento particolare, ma tutto l’anno Banco alimentare recupera cibo per donarlo. Ogni giorno aiutiamo 1 milione e 700mila persone portando loro un pacco alimentare e sostenendo le mense per i poveri che sono in Italia e Campania ovviamente, e che servono un piatto caldo a chi non ha neppure questa possibilità. È un momento particolare in cui manca tutto, il lavoro, la casa, ma bisogna pensare che ad alcuni manca addirittura il cibo che è un bene primario. Noi vogliamo portare speranza e cibo a casa delle persone che ne hanno bisogno.

S. : Direttore, la scelta di contribuire alla colletta alimentare è importante in termini sociali perché ci permette di aiutare chi è in difficoltà ma ha anche effetti benefici in generale a livello ambientale ed economico. Dobbiamo ripartire da un nuovo approccio alle cose, una nuova politica anti-spreco, contro l’eccesso, contro la tendenza a comprare tanti prodotti alimentari che non riusciamo a consumare e che finiscono per deperire nei nostri frigoriferi.

T: grazie per aver fatto questa sottolineatura, la nostra lotta quotidiana è anche questa contro lo spreco. Il Papa dice che “sprecare cibo è come sprecare persone” e questo è vero perché a volte nella nostra abbondanza non facciamo i conti col cibo ancora buono che finisce in discarica. Voglio fare un appello: oggi in Italia c’è una legge, la legge Gadda 166 del 2016, che distingue la dicitura “preferibilmente entro” dalla “data di scadenza”: spesso consideriamo scaduto del cibo ancora buono. Per esempio se abbiamo un cibo a lunga conservazione (biscotti o pasta ad esempio) con la dicitura “da consumare preferibilmente entro il mese di novembre”, questo significa che possiamo consumarlo per altri 12 mesi. Quel cibo è ancora ottimo e possiamo consumarlo o donarlo alle tante mense che hanno difficoltà a reperire i pasti. Dobbiamo imparare a non sprecare prima ancora di imparare a fare una corretta raccolta differenziata: occorre ridurre alla base lo spreco, che fa bene alle persone e anche all’ambiente.

S. : Grazie direttore, ricordiamo l’appuntamento alla giornata di raccolta alimentare di domani, ricordiamo che ci sono due modi per donare: fare la spesa in un supermercato aderente o acquistare le card in cassa o on line da 2, 5 o 10 euro.

T: sì, ricordo che i nostri volontari hanno la pettorina gialla e grazie di cuore, ciao Kiss Kiss Italia.

S. : Grazie a lei e buona raccolta

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare