GIORNATA EUROPEA DEI PARCHI, CASILLO (PARCO VESUVIO):”INGRESSO GRATUITO AL CRATERE PER TUTTA LA SETTIMANA”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Quanto è bello e incredibilmente indescrivibile il panorama che si vede dal Vesuvio. Bisogna fare un salto al parco nazionale del Vesuvio per rendersene conto e quindi cogliamo l’occasione per parlare anche della Giornata Europea dei parchi che si celebra ogni anno. Istituita nel 1909 quando per la prima volta in Svezia nacque il primo parco nazionale in Europa da quel momento è diventata l’occasione per fare il punto sui polmoni verdi indispensabili proprio per respirare bene e stare bene. Non a caso il tema di questa edizione 2021 è Respiro nei parchi Respiro dei parchi che poi detto così in tempi di pandemia diventa ancora più importante. A Radio Kiss Kiss Italia ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo

Ida: buongiorno

Casillo: buongiorno a voi

I: che panorama guarda da lassù, proviamo a descriverlo a chi non c’è mai stato

C: il nostro parco è uno dei parchi più particolari al mondo non solo perché abbiamo al centro il vulcano più famoso al mondo ma anche perché abbiamo dei paesaggi e una biodiversità molto molto varia in un territorio relativamente piccolo. Parliamo infatti di 8400 ettari quindi in cui i paesaggi cambiano, dai boschi rigogliosi del Monte Somma alla valle dell’inferno al paesaggio poi quasi lunare e brullo del cratere del Vesuvio che poi è il punto più panoramico della Campania perché da lì si può vedere, nelle giornate chiare, dalle isole pontine fino al Golfo di Castellammare. Quindi abbiamo una visione molto molto ampia e bella della nostra regione

I: insomma è riuscito quindi a fare questa panoramica a 360 °…Presidente, come sta il parco nazionale del Vesuvio perché nel 2017 lo sappiamo fu purtroppo vittima di un incendio devastante. Sono trascorsi degli anni e come respira adesso?

C: dagli studi che abbiamo realizzato insieme ai massimi esperti delle università campane stiamo vedendo una ripresa vegetazionale molto molto forte. Il parco sta dimostrando una forte resilienza, per usare una parola molto di moda in questi tempi. Con il grande progetto Vesuvio stiamo dando una mano alla natura e riqualificando quelle aree che erano state colpite dall’incendio, quindi il processo è in corso ma la natura fa la sua parte noi facciamo la nostra. Il nostro parco sicuramente sta meglio dopo questi tre anni

I: dopo questa bruttissima esperienza avete messo in campo anche un sistema di sorveglianza per evitare che ci siano altri incendi del genere?

C: abbiamo creato un sistema di videosorveglianza molto avanzato tecnologicamente gestito dai carabinieri forestali e quindi sono il nostro occhio, il nostro controllo sul territorio. Ci sono poi altri dispositivi, per esempio una convenzione con i vigili del fuoco con dei presidi fissi sul territorio e quindi abbiamo diminuito i tempi di intervento. I dati poi degli ultimi anni ci confermano che abbiamo quasi azzerato questo fenomeno, ovviamente bisogna stare sempre attenti perché ogni estate ha il suo rischio, la sua pericolosità. Pochi mesi fa abbiamo approvato anche il nuovo piano antincendio, tutta la preparazione e il lavoro su questo tema vanno fatti soprattutto d’inverno e non d’estate.

I: oggi è la giornata europea dei parchi voi, che cosa avete organizzato per celebrarla?

C: abbiamo scelto questa data simbolica per lanciare la app del Parco Nazionale del Vesuvio, è uno strumento importantissimo che aiuterà i turisti ad organizzare meglio la loro visita e le loro passeggiate. Anche i cittadini potranno essere sempre più informati ad essere aggiornati su quello che l’ ente parco fa, sulle attività che vengono messe in campo. Da quest’anno abbiamo deciso di lasciare tutta la settimana l’ingresso gratuito per i residenti nei 13 comuni del parco al cratere del Vesuvio che ovviamente dovrà essere fatta nel rispetto del protocollo anticovid e di tutto il sistema tecnologico che anche abbiamo realizzato per avere il tracciamento delle persone, il distanziamento e il contingentamento.

I: quindi sono riprese le visite naturalmente con la prenotazione

C: le visite al cratere sono riprese, siamo stati il primo sito campano ad aprire dopo il secondo lockdown proprio grazie a questo sistema che avevamo già creato a giugno dell’anno scorso. Bisogna prenotarsi, acquistare il biglietto online con prenotazione della fascia oraria, arriva il codice a barre via mail e poi accedere all’ingresso dove abbiamo installato i tornelli elettronici che appunto ci permettono di gestire i flussi in maniera corretta. Quindi bisogna solo organizzarsi un po’, arrivare puntuali per evitare di non andare oltre all’ orario della propria fascia per godere, con un po’ di attenzione in più, del patrimonio naturalistico del nostro territorio

I: che meraviglia e augurarsi che arrivino tanti turisti pian piano

C: ma stiamo ripartendo, stiamo avendo in media durante i giorni infrasettimanali 100 ingressi al giorno invece nel weekend saliamo anche a 5/600 persone quindi man mano stiamo tornando ad avere un flusso di turisti.

I: grazie di essere stato con noi e Buona Giornata Europea dei Parchi

C: grazie e buona giornata a voi

 

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare