COBOLLI GIGLI:”PIRLO INESPERTO MA NON RIMPIANGO SARRI. A.AGNELLI, INTELLIGENTE MA ARROGANTE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Giovanni Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli:

“Pirlo è un allenatore senza esperienza, la dirigenza lo sapeva. La responsabilità è dunque della dirigenza, oltre che di Pirlo stesso. Lo stile della Juve è diverso oggi. Guardate la storia della risposta di Agnelli a Conte. Non rimpiango Sarri. La decisione di cambiare Allegri è stata inopportuna. Il Presidente Agnelli ha subito le decisioni di Nedved e Paratici. Che errore. Vedo difficile una nuova coabitazione De Laurentiis-Sarri, al netto dei risultati raggiunti dall’allenatore toscano. Il movimento “no-Max” (Allegri, ndr) che ci fu tra i tifosi? Si scatenarono gli animi, probabilmente, dopo le finali perse. Il Presidente Agnelli avrebbe dovuto sostenere l’allenatore a fronte delle critiche di Nedved e Paratici. Dovesse vincere l’Inter di Conte? Onestamente, avrei preferito il Napoli. Subisco l’Inter da tifoso, ma la subivo più quando c’erano Moratti e Mourinho. E Moratti sarebbe un folle se tornasse in campo dopo le perdite economiche. In Andrea Agnelli non c’è nulla dell’Avvocato o di Umberto. E’ intelligente, lo riconosco, anche se un po’ troppo arrogante”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare