Maradona, re di Napoli. L’assessore Ferrante a KKI: “Il Centro Paradiso potrebbe ospitare il museo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Ad un anno dalla scomparsa di Diego Armando Maradona, il 25 novembre non può passare inosservato nella città di Napoli dove si stanno svolgendo tanti eventi commemorativi, addirittura in alcune zone della città, come i Quartieri spagnoli, sembra di essere in un santuario a cielo aperto dedicato al dio del calcio. Parliamo di questo ed anche della statua dedicata a Maradona che è stata realizzata dall’artista Domenico Sepe in compagnia dell’assessore allo sport del Comune di Napoli, Emanuela Ferrante.

Sara: buongiorno Assessore, questo è un momento di grande commozione e Napoli accoglie con una giornata uggiosa questo anniversario, qual è l’atmosfera che si respira fuori allo stadio Maradona?

Ferrante: buongiorno a tutti, l’emozione è fortissima, siamo stati sfortunati con la pioggia ma mi piace pensare che queste gocce di pioggia sono tutte le lacrime che abbiamo versato e che verseremo per Diego, sono felice di essere qui, come una bambina che aspetta di partecipare ad una festa!

S: una festa condivisa con tanti protagonisti, ci sono, infatti, alcuni ex compagni di squadra degli anni ’80, ci sono tanti tifosi, e c’è la statua visibile fino alle ore 22 in attesa della sua collocazione effettiva

F: la statua sarà collocata nello stesso posto, per problemi di autorizzazione del genio civile non possiamo ancora collocarla in via definitiva. L’abbiamo esposta davanti allo stadio per questo giorno commemorativo e lì ritornerà, resterà visibile a tutti i napoletani e non solo.

S: Assessore, si parla da un po’ di tempo di un possibile museo dedicato a Maradona, sarebbe bello che fosse proprio al centro paradiso di Soccavo che è una struttura che necessita di riqualificazione.

F: sicuramente è un’idea bellissima ma il centro paradiso ha bisogno di grandi interventi di ristrutturazione per i quali il Comune di Napoli può fare poco o niente se non rivolgersi ai privati o anche aprire campagne di crowdfunding anche perché mi hanno fatto notare che in zona Soccavo non ci sono strutture sportive per giovani e adulti, quindi il centro paradiso di Soccavo potrebbe essere una ipotesi per l’idea del museo e non soltanto.

S: Assessore, aspettiamo allora di poter vedere la statua, intanto la ringraziamo e la lasciamo all’inaugurazione che sta per iniziare.

A: Grazie a tutti voi, buona giornata

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare