Aiello: “Ho un vulcano sotto la pelle. Da qui carnalità e passione nella mia musica”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Per la prima volta Aiello calca il palco del Teatro Ariston dove presenta Ora. La sua partecipazione alla kermesse corona un anno e mezzo di successi, una candidatura ai David di Donatello, milioni di stream e visualizzazioni su YouTube per il suo album d’esordio “EX VOTO”.
A Radio Kiss Kiss Italia ne abbiamo parlato con l’artista cosentino.

Pino: ciao Antonio, come stai dopo l’esibizione di ieri?

Aiello: buongiorno a voi! Bene bene, mi sto riprendendo. Nessuno può credere quanto sia impegnativo il palco di Sanremo, travolgente. Purtroppo con quelle poltrone rosse vuote è complicato però tutto molto bene.

P: C’è chi ti dà tra i favoriti, c’è chi scrive a proposito della tua performance “probabilmente è stato vittima dell’ansia causata dall’evento così importante”

A: è evidente che io abbia caricato particolarmente perché immagino sia chiaro a tutti il momento che viviamo, il palco pazzesco, il pubblico assente, l’emozione, l’esordio. Potrei avere un’infinita lista di ragioni però ciò che mi riempie d’orgoglio è che la canzone sta piacendo un sacco. Sono convinto e certo che tutti possono perdonare l’emozione quando è pura e l’imperfezione quando è così sincera. L’importante è che la canzone venga premiata, leggo dei commenti bellissimi quindi sono molto felice

P: ho visto molta fisicità nella tua esibizione che ha riempito il palco

A: quello è il vulcano che ho sotto pelle, quella carnalità e passione che metto in tutte le canzoni. Probabilmente su un palco normale, non quello di Sanremo che è veramente importantissimo e complicatissimo, avrei gestito ancora meglio questa fisicità. L’imperfezione è verità e io sono una persona vera

P: Quanto c’è di Aiello in Ora?

A: C’è troppo, è questo il problema perché la canzone non me l’ha scritta nessuno. L’ho scritta io per raccontare un suicidio d’amore e quindi a me costa tantissimo. E quando una cosa ti costa…

P: andiamo a 12 mesi fa, stavi per partire con il tour poi sappiamo quello che è successo. Quanto tui manca il contatto con il pubblico?

A: tantissimo., terribilmente. E’ la sofferenza che stanno vivendo tutti quelli che fanno questo mestiere. Non cantare o cantare di fronte ad un vuoto è quasi alienante. Non vedo l’ora che riparta il tour quindi a questo punto non vedo l’ora che arrivi ottobre. Sanremo è importante per tutti noi, per me per farmi conoscere da più persone e condividere la mia musica. Ma è importante anche perché riaccende e fa lavorare una macchina molto più grande che è quella dello spettacolo. Parliamo di 26 progetti discografici presentati e tantissime persone che lavorano ad uno spettacolo gigante. Quindi è davvero un’opportunità di lavoro per tutti. Per fortuna che c’è Sanremo e che è stato fatto, nonostante tutto

P: Ma com’è l’atmosfera in questo Sanremo?

A: purtroppo ci si incontra raramente, ognuno è nella sua stanza. Siamo tutti blindati, distanziati, mascherati fino a 30 secondi prima di arrivare sul palco. Insomma è tutto molto bello ma tutto affatto facile.

p: nella tua musica cii sono varie contaminazioni un po’ come al Sud

A: io mi diverto e mi viene naturale fare musica così, mescolando colori, sapori e generi. In questo disco ho mescolato l’harem ‘n b che ho sempre ascoltato, poi il pop, il clubbing, l’urban e il sound popolare, latino della mia terra. Io vengo dalla Calabria, sono nato in Calabria anche se non abito più lì da 14 anni e la Calabria è veramente l’emblema delle diverse contaminazioni, culture. E’ un bellissimo manifesto di diversità e di convivenza di diversità. E io l’ho tradotta nel mio disco che è un omaggio al meridione in generale. Io voglio staccarmi dal dualismo Nord Sud ma sono orgoglioso meridionale. Io sono calabrese e credo sia un valore aggiunto, mai un difetto per cui perché non condividere questa cultura e questa visione del mondo

 

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare