VIPP

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

C’è Terence Hill, che «visto dal vivo dimostra 50 anni. Visto in televisione ne dimostra 40. Visto da 10 km di distanza, dimostra 8 anni: praticamente un bambino», talmente timido che all’inizio usava uno stuntman per le scene dei baci mentre interpretava da sé le scene pericolose, e che la prima notte di nozze l’ha passata in garage. C’è Gianni Morandi, nato con un parto difficile: l’ostetrica dovette tirarlo fuori dalle mani, che sono quindi quattro volte la media delle mani normali. C’è Francesco Totti, nato invece al diciottesimo minuto dei tempi supplementari davanti a 15 milioni di spettatori su Sky e intenzionato a fare il «raggionie’», non il calciatore, ma suo padre gli bucava i libri per farlo smettere di studiare. Un’indagine assurda ed esilarante sulle persone famose, tutta giocata sul paradosso, l’assonanza linguistica, i toni fiabeschi cui nel corso della sua lunga carriera Nino Frassica ci ha abituato.

Anch’io sono un Vipp, ma non mi sento Vipp, me lo dicono gli altri.
A me non piace. L’altra sera purtroppo ho perso le staffe con un ragazzo di cinquantanove anni, un mio ammiratore di Reggio Calabria, si chiama o Rocco Misasi o Enzo Pappalardo.
Continuava a dirmi:
«SIGNOR NINO, lei è un VIPP…
Come mai è VIPP?…
SIGNOR NINO, che fate la sera voi VIPP?
Come posso fare a diventare VIPP pure io?…
SIGNOR NINO, quanti VIPP conosce
lei che è VIPP?…»

L’ho accoltellato.

Nino Frassica è un attore, conduttore e comico italiano. Ospite fisso del programma Che tempo che fa, interpreta il maresciallo Cecchini nella longeva fiction di Rai 1 Don Matteo. Il suo ultimo libro è Novella Bella (Mondadori 2018). Per Einaudi ha pubblicato Vipp. Tutta la Veritàne (2021).

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare