Due volte il primo amore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Impiegata in una spericolata azienda che gestisce la reputazione digitale di persone famose, Kate è una donna spavalda e volitiva, abituata a riscrivere il passato altrui. Ma dopo la morte improvvisa di suo marito Luke tutte le certezze si sfaldano e la sua vita comincia a deragliare: rifiuta di vedere gli amici, si chiude a riccio, cerca conforto nella vodka, di cui non conta più le bottiglie vuote accanto al letto. Finché un mattino – lo stesso in cui aveva deciso di farla finita – si sveglia in una stanza che non riconosce, e in un corpo giovane e scattante. Si trova nel suo dormitorio al college, nel 1992, l’anno magico della voce di Kurt Cobain: è il primo giorno di università, proprio quando, al bar del campus, aveva incontrato per la prima volta Luke. Ha fatto un salto formidabile nel tempo, ma i suoi ricordi sono intatti, e Kate sa che in quel momento, a diciannove anni, Luke era già malato. Forse stavolta può salvare suo marito. Ma il passato, anche se pensiamo di ricordarlo bene, può rivelarsi un luogo pieno di sorprese e imprevisti.Emozionante variazione sul tema del viaggio temporale, con ironia tagliente e inaspettate svolte da action movie Due volte il primo amore ci mette di fronte alla nostra illusione di poter cambiare, in meglio, ciò che è stato e ciò che sarà.

Robert Webb è un comico, attore e scrittore britannico, noto soprattutto per la sitcom Peep Show, premiata due volte ai BAFTA. Nel 2017 il suo memoir, How not to be a boy, ha conquistato la vetta della Sunday Times Bestseller List. Ha collaborato come editorialista con diverse testate giornalistiche, tra cui il “Daily Telegraph”. Vive a Londra con la moglie e i figli. Due volte il primo amore segna il suo esordio narrativo.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare