Sanremo 2021, Iva Zanicchi: “Emma simile a me per la grinta. Diodato scrive da dio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Quando si pensa a Sanremo, tra le tante voci che hanno conquistato il cuore degli italiani, non si può non pensare a lei. Domnna di grande temperamento, grinta, talento e bellezza: Iva Zanicchi. Ospite a Radio Kiss Kiss Italia, l’Aquila di Ligonchio ha raccontato il suo Sanremo.

Alfonso: Iva, buonasera. Iva sai chi è la cantante italiana che ha vinto più volte il Festival di Sanremo ?

Zanicchi: Credo di conoscerla, la stimo abbastanza, ha una gran voce e ne ha fatte di cotte e di crude però ha una potenza vocale, una voce forte, è Iva Zanicchi

A: brava e complimenti. La concorrenza di Milva e Mina ti ha avvantaggiato ? è stato uno stimolo in più per te ?

Z: certo che sì, come i grandi calciatori che sono stimolati dalla concorrenza. Anche i brocchi diventano bravi quando hanno forti ” rivali “. Io avevo Mina, Milva e Vanoni ed era stimolante, facevano sì che facessi meglio.

A: attualmente c’è una cantante che ha caratteristiche simili alle tue ?

Z: per la grinta che mette, dico Emma Marrone, canta a voce piena, con molta carica ed energia, come me. Anche se mi piace molto Diodato, è un giovane che scrive in modo meraviglioso ed ha una voce pazzesca.

A: 3 Vittorie a Sanremo e 10 partecipazioni. Qual è il tuo ricordo più bello ?

Z: Il Festival più bello, dove mi sono divertita e rilassata è stato quello del 1969 con Bobby Solo, abbiamo vinto con ” Zingara ” e fu una bella vittoria. Ricordo con emozione anche la vittoria del 1967, in coppia con Claudio Villa con il brano ” Non pensare a me “, anche se quell’edizione fu funestata dalla morte di Tenco. In quel Sanremo leggevo l’elenco delle canzoni in gara e mi tremavano i polsi. Da ” Cuore Matto ” a ” L’immensità ” per non parlare di ” Ciao amore ciao ” . Era incredibile, credo sia stato un momento fantastico per la canzone italiana, gli autori scrivevano appositamente per Sanremo e il risultato era sconvolgente.

A: ci possiamo aspettare un tuo ritorno a Sanremo ?

Z: Non lo so, c’è una cantante che è un faro per me ed è Ornella Vanoni, che 3 anni fa era in gara, quindi mai dire mai. Quest’anno, invece, c’è Orietta Berti e farò il tifo per lei che rappresenta la melodia, la classica canzone italiana, quella della mia generazione. Non è mai troppo tardi.

A: hai girato il Mondo e fatto cantare diverse generazioni, qual è lo stato della canzone italiana in questo momento ?

Z: riscontro una ripresa, sento del buono in giro, con dei giovani che scrivono bene e si stanno riavvicinando alla melodia. L’Italia è il paese della melodia e della grande musica, ce la invidia tutto il Mondo. Quindo sono contenta che anche le nuove leve valorizzino la nostra tradizione melodica.

A: Iva, non sei solo Sanremo e musica, ma anche protagonista della televisione. Nuovi progetti ?

Z: sarò opinionista della prossima edizione de ” L’Isola dei famosi ” ma la vera notizia è che sto preparando uno speciale di 2 puntate musicali, dedicate a me e alla mia storia, che dovrebbero essere trasmesse a breve, e non vedo l’ora.

A: buon Festival Iva, ti ringraziamo e ti salutiamo con un tuo successo, prendi questa mano…

Z: Zingara, grazie, ciao un saluto a tutti gli ascoltatori.

 

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare