SANREMO 2021, WILLIE PEYOTE:”IN MAI DIRE MAI LA LOCURA C’E’ LA RABBIA PER IL FUTURO”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Arriva a Sanremo Willie Peyote, uno dei protagonisti più interessanti della scena indie. Ospite a Radio Kiss Kiss Italia ci ha raccontati il suo pezzo Mai dire mai la locura.

M: Benvenuto a Willy Peyote su Radio Kiss Kiss Italia. Come va? Come Va?

W: Bene Bene, più si avvicina l’esibizione e più sale l’ansietta ma tutto sommato bene.

M: So che per scaramanzia non si dovrebbe dire, ma i bookmakers ti danno per favorito per il premio della (quindi se devi fare qualche gesto scaramantico fallo per loro). Dopo 5 album in studio e uno dal vivo ti sei raccontato in molti modi e Il tuo brano è stato giudicato come il più politico di questo Festival. Cosa può raccontarci e che ruolo ha la musica soprattutto in questo periodo?

W: La musica non ha un ruolo preciso e ognuno di noi gli da un ruolo diverso. Semmai La musica può raccontare delle cose solo nel momento in cui chi scrive e chi la interpreta ha effettivamente una coscienza politica o sociale. Nel momento in cui vuole e deve dire qualcosa è giusto che lo faccia, ma la musica non è che deve farlo per forza. Non sono di quell’idea. Se io ritengo che sia giusto trattare certi temi lo faccio, però non è un obbligo che vorrei imporre ai miei colleghi; è una mia scelta.

M: Il pezzo (“Mai dire mai la locura” ndr) è stato scritto in pieno lockdown e traspare tutta la rabbia per il futuro dell’Italia e le difficoltà che stanno attraversando tutti coloro che lavorano nello spettacolo live. C’è una frase emblematica “Riapriamo gli stadi ma non teatri né live”. Eppure uno spiraglio c’è perché a fine marzo dovrebbero riaprire. Come te lo immagini quel momento e quanta voglia hai di riempirti di bellezza?

W: Io ne ho molta anche perché la parte live è quella che preferisco del mio lavoro e sia per me e tutte le persone che lavorano in questo settore è una parte che manca veramente moltissimo. Spero che il pubblico ne abbia altrettanta voglia, perché anche loro sono altrettanto orfani da molto tempo e credo sia il caso di tornare a suonare. Non so quanto lo spiraglio sia effettivo perché poi bisognerà vedere il 27 marzo se si potrà davvero farlo. Però per adesso si vede la luce in fondo al Tunnel.

M: Prova ad immaginare l’emozione di quando tornerai a fare live con il pubblico. Proiettandoti come la descriveresti?

W: E’ un anno che sono a digiuno. Quindi “tornare a mangiare”. Quella sensazione lì. E’ come se avessi molta fame e finalmente ti danno qualcosa da mangiare. Quella è la sensazione che penso proverò.

M: Sei la grande rivelazione del Festival, ma una rivelazione molto gavettata, perché per quanto ti riguarda siamo intorno al ventennio di musica.

W: Si quasi perché ho lanciato il mio primo progetto quando avevo 15 anni. Quindi sono ormai 20 anni che faccio musica; il rap da un po’ meno tempo. Però aspettiamo di supnare, perché per adesso si fa un gran parlare ma non mi hanno ancora visto. Aspetterei domani a battezzare la rivelazione (dopo l’esibizione di stasera ndr)

M: Noi abbiamo stra- suonato un tuo brano a un passo dalla Pandemia (“La tua futura ex moglie” ndr). Che rapporto hai avuto con il Main stream in quel periodo?

W: Ho un buon rapporto con tutto. Come sul palco dell’Ariston o in altri contesti, se ti danno spazio sta a te usarlo come preferisci. Per il resto non ho un brutto rapporto con niente in particolare. Io faccio la mia cosa; se poi diventa mainstream è perché lo hanno scelto il pubblico e gli addetti ai lavori. Io però faccio la mia cosa allo stesso modo.

M: Raccontaci prima di salutarci questo brano che presenterai.

W: E’ un brano che – leggendo il testo – sembra molto più arrabbiato di quello che è. E’ più un corto circuito e una grande presa in giro goliardica di me stesso e del Festival – appunto – perché mi faceva ridere l’idea di andare a Sanremo a prendere un po’ tutti in giro. Ma soprattutto me stesso, perché in molti non si aspettavano la mia partecipazione. E quindi direi che va vissuta un po’ come Ricki(?) ai Golden Globe dell’anno scorso.

 

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare