Sanremo 2021, Noemi: “In Glicine mi ci ritrovo, una donna che rinasce più forte”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

 

Una carriera che ha superato il decennio e sei partecipazioni al Festival di Sanremo . Il 5 marzo (oggi) è fuori “Metamorfosi”. Album anticipato dal brano sanremese “Glicine”. Un progetto autobiografico frutto di un fortissimo cambiamento, ma anche del desiderio di lanciare un messaggio importante: bisogna amare innanzitutto se stessi. Ospite a Radio Kiss Kiss Italia, Noemi ci ha raccontato come ha stravolto il suo cammino personale e professionale nell’ultimo anno. Oltre a parlarci dell’anima della canzone presentata all’Ariston, Noemi lancia anche un messaggio di rinascita alle donne.

“Ti vai bene se vai bene a te: questo è il messaggio fondamentale… sto salendo sul palco con questo messaggio che mi piace tanto: Il tema della Metamorfosi che parte da me e poi arriva alla musica che sto proponendo. E’ emozionante; mi sembra di avere tutti i sensi amplificati. Il mio brano ha un’anima classica, ma anche moderna. E’ una cosa che sento profondamente mia, anche se in realtà è molto diversa da me. I questo brano però mi ci sento moltissimo: la donna che viene raccontata, dopo un momento di bui ritrova una nuova energia per poter essere più forte; per poter trovare se stessa; per poter rimettersi a fuoco come persona e poter tornare migliore di come era prima. Il Glicine è una pianta meravigliosa che ha delle radici profondissime e forti che potrebbero essere le nostre consapevolezze e poi c’è questa fioritura – che è il Glicine di notte – che è molto fragile allo stesso tempo. Il mio viaggio è partito da lontano, ma il periodo di stop che abbiamo subito mi ha imposto una riflessione su di me…”

 

RIASCOLTA L’INTERVISTA

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare